versione accessibile
Ricerca nel sito
Cerca
 La Curia » Tutti gli Uffici di Curia » Ecumenismo e dialogo interreligioso 

Ecumenismo e dialogo interreligioso   versione testuale
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie

Indirizzo:
Via Mons. Blandini, 6 - 96017 NOTO (SR)
Fax. 0931-573310

Nell’attesa di una sistemazione con recapito in Curia, si può contattarmi ai seguenti indirizzi :
E-Mail: ufficioecumenismo@diocesinoto.it
Parrocchia San Giuseppe, via San Marco 5,
97018 Scicli (RG),
tel. 0932-842667 - cell. 349-3539515


Programma di massima per il quinquennio 2008-2013
 
“Si registra oggi un pressoché comune accordo sul fatto che sia finito il regime di cristianità, ma rimane aperta la questione dell’identità cristiana e della verità del credo professato nel contesto di una società riconosciuta come multiculturale e multireligiosa. Da questo punto di vista si ha l’impressione che quanto più si insiste sull’importanza del dialogo tanto più se ne sconoscono le modalità e i contenuti; non sembra affatto chiaro a molti che condizione di un vero dialogo non può essere l’offuscamento o l’abbandono dell’identità delle parti in dialogo.”
 
 (Diocesi di Noto, Discepoli di Gesù sulle orme di Paolo, Orientamenti Pastorali 2008 –2009, p. 107)
 
Ai presbiteri, ai diaconi, a tutti gli operatori pastorali della nostra diocesi
 
La necessità di un corretto approccio con gli appartenenti a confessioni cristiane non cattoliche o a religioni non cristiane, supportato da un’adeguata riflessione sulla nostra e altrui identità ha spinto questo Ufficio diocesano a progettare, nell’arco del quinquennio 2008-2013, una serie di eventi tesi a fornire strumenti a quanti, in un modo o in un altro, si trovano a vivere e ad offrire il loro servizio in un contesto educativo e formativo, che presuppone anche l’impegno per il dialogo ecumenico e interreligioso, sia riguardo alle modalità sia circa i contenuti che questo dialogo esige.
Destinatari degli eventi saranno principalmente gli Insegnanti di Religione Cattolica, i Maestri e i Professori delle Associazioni cattoliche presenti in diocesi, i catechisti, gli educatori e formatori cattolici delle varie Associazioni interessate al dialogo ecumenico e interreligioso, gli operatori della Caritas e gli altri operatori pastorali in servizio nelle nostre parrocchie.
Gli eventi riguarderanno, di volta in volta, uno o più dei seguenti ambiti delle due Sezioni “ideali” in cui abbiamo diviso il nostro compito:
 
Sezione A:
La Chiesa Cattolica e il dialogo ecumenico con le Chiese Ortodosse
La Chiesa Cattolica e il dialogo ecumenico con le Chiese Orientali di antica tradizione
La Chiesa Cattolica e il dialogo ecumenico con le Comunità nate dalla Riforma Protestante
La Chiesa Cattolica e il dialogo ecumenico con le moderne aggregazioni cristiane
La Chiesa Cattolica, il dialogo ecumenico e il Consiglio Ecumenico delle Chiese
 
Sezione B:
Cristianesimo ed Islam;
Cristianesimo ed Ebraismo;
Cristianesimo e Religioni Orientali;
Cristianesimo e Sette;
Cristianesimo e dialogo con i non credenti.
Per predisporre poi un servizio più adeguato del nostro Ufficio, si è sentita l’esigenza di avviare innanzitutto un’opera di censimento di tutte le realtà non cattoliche presenti in diocesi con cui poter prospettare l’avvio di un dialogo sereno e fecondo.
Si chiede pertanto di poter aver da parte di ogni vicariato dati riguardanti:
-          la presenza di comunità protestanti di varia denominazione;
-          la presenza di fedeli provenienti dal mondo ortodosso (greci, russi, rumeni, albanesi);
-          la presenza di sale del regno di testimoni di geova;
-          la presenza di immigrati musulmani (algerini, tunisini, albanesi ecc.) ed eventualmente la presenza di una loro moschea o sala di preghiera;
-          la presenza di altri fedeli o gruppi di altre confessioni o religioni.
Si prega di poter avere queste notizie entro il 15 novembre p.v. per poterne disporre in sede di incontro con gli altri direttori delle diocesi italiane previsto nell’ultima settimana di novembre.
 
Per illustrare tale programma e altresì ribadire la necessità di un corretto dialogo ecumenico ed interreligioso, il sottoscritto Direttore è poi a disposizione per un incontro con tutti i membri del Consiglio pastorale vicariale (o secondo altre modalità) che si crederà opportuno organizzare, anche in vista dei due prossimi eventi vicini:
-          la Giornata per il Dialogo con l’Ebraismo, il 17 gennaio;
-          la settimana di preghiera per l’Unità dei Cristiani, dal 18 al 25 gennaio.
Per aver il tempo di avviare una riflessione adeguata, tenendo conto anche dei normali impegni pastorali di ogni parrocchia, si prega di prevedere questi momenti nel mese di novembre o al massimo prima dell’inizio della novena di Natale.
 
In vista di tali prossimi appuntamenti l’Ufficio, come al solito, fornirà il materiale predisposto:
per la settimana di preghiera => un libretto, una pagellina con l’immagine, un manifesto per ogni parrocchia (chi prevedesse di avere necessità di un numero maggiore di copie abbia la cortesia di comunicarlo al nostro Ufficio entro il 15 novembre p.v.);
per la giornata per l’Ebraismo => il manifestino del tema scelto e il testo con gli spunti di riflessione (chi prevedesse di voler avviare una ulteriore riflessione – si ricorda che ogni anno si medita insieme con gli Ebrei su uno dei Dieci Comandamenti – e avesse bisogno di altro materiale abbia la cortesia di comunicarlo al nostro Ufficio entro il 15 novembre p.v.);
 
Infine, il nostro Ufficio esprime l’auspicio che si possa pensare anche ad eventi, in collaborazione con gli altri Ufficio diocesani (es. Giovani, Caritas, Liturgia, Migranti, Catechesi…) in cui poter sperimentare “dal vivo” la necessità arricchente del dialogo: si pensi a Taizé, a Bose, al tesoro dell’iconografia orientale…
 
Nell’augurare buon lavoro nella vigna del Signore, vi saluto fraternamente
                                                                     
                                                                                                                      Don Ignazio La China
Scicli, 17 ottobre 2008
------------------------------------------------
Il direttore dell'Uffico per L'Ecumenismo invia un saluto alle due "storiche" comunità protestanti di Pachino e di Scicli presenti in diocesi

Scarica il saluto>>

Giovedì 13 Marzo 2008
Copyright Diocesi di Noto 2008 - Credits