versione accessibile
Ricerca nel sito
Cerca
 Rubriche » Beni Culturali Ecclesiatici » Itinerari » Monumenti da visitare a Noto » S. FRANCESCO D'ASSISI ALL'IMMACOLATA 

S. FRANCESCO D'ASSISI ALL'IMMACOLATA   versione testuale

Costruita fra il 1704 e il 1745 su iniziativa del superiore P. Filippo Tortora e su progetto degli architetti Vincenzo Sinatra e Rosario Gagliardi, la chiesa di S. Francesco con l’annesso ex convento (in gran parte sede universitaria) è fra i più imponenti edifici religiosi di Noto. Nell’armoniosa facciata, aggettante su una imponente scalinata a tre rampe (di cui una aggiunta nei primi dell’800, dopo l’abbassamento del manto stradale), spicca il bel portale fiancheggiato da artistiche colonne barocche e tre nicchie, di cui due ai lati e una più piccola sopra il portale. Un’artistica statua marmorea dell’Immacolata del 1787, in sostituzione di quella calcarea del 1704 adorna il piano rialzato antistante il convento.All’interno, ad unica navata, entrando a sinistra si osservano: Arco dei Ss. Innocenti con il dipinto della Strage degli Innocenti (1706, Antonino Vizzini); l’Arco del B. Andrea Conti con la tela (1724) raffigurante la morte di fra’ Andrea M. Conti di Anagni; sul lato destro nell’Arco dei Santi francescani una tela raffigurante San Corrado Confalonieri, patrono di Noto, in ginocchio assorto in preghiera e sostenuto da due angeli, mentre il confessore ne piange la morte (sec. XVIII), nel terzo arco la lapide sepolcrale (1756) di P. Giuseppe Bonasia il cui corpo si trovava nella chiesa dell’antica Noto e la tela raffigurante la Natività (1783), commissionata dal netino P. Salvatore Gallo, nell’Arco centrale sopra la porta che immette nel chiostro e collocata una tela (sec. XVIII), eseguita per la chiesa di Sant’Andrea e solo tra il 1950 e il 1960 pervenuta in questa chiesa, raffigurante San Francesco in ginocchio dinanzi alla Vergine, che implora dal Cristo l’indulgenza plenaria della Porziuncola di Assisi, in suffragio delle anime del Purgatorio.Dopo la porta laterale, a sinistra e a destra della chiesa, le due cappelle dedicate a San Francesco d'Assisi e a Sant'Antonio di Padova, realizzate dallo stuccatore Giuseppe Gianforma, contemporaneo del Serpotta, su disegno dell'architetto Vincenzo Sinatra in cui sono collocate due pregevolissime tele: l’Estasi di S. Francesco e la Predica di S. Antonio ai pesci; l'abside, contenente nella nicchia centrale la statua lignea dell’Immacolata.Fra le altre opere custodite nella chiesa, ricordiamo in particolare tre monumenti funebri (sec. XIX) dedicati rispettivamente al principe di Villadorata, Mariano Nicolaci e Lorenzo (a sinistra prima del presbiterio), al marchese di Cannizzaro Giuseppe Trigona e alla moglie di questi (a sinistra e a destra dell'antiporta centrale).
Esterno
Esterno

Interno
Interno

Ignoto, Immacolata, scultura lignea dorata dipinta
Ignoto, Immacolata, scultura lignea dorata dipinta

Ignoto 1783, Natività, Olio su Tela
Ignoto 1783, Natività, Olio su Tela

 Antonino Vizzini 1706, Strage degli innocenti, Olio su Tela
Antonino Vizzini 1706, Strage degli innocenti, Olio su Tela

Copyright Diocesi di Noto 2008 - Credits