versione accessibile
Ricerca nel sito
Cerca
 Rubriche » Approfondimenti » I Vescovi del Piemonte in Sicilia 

Progetto Policoro

I Vescovi del Piemonte in Sicilia   versione testuale
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie


Dal 12 a 15 Giugno, nell’ambito dei rapporti di reciprocità fra Sicilia e Piemonte del Progetto Policoro, i Vescovi della Conferenza episcopale piemontese, sono stati in Sicilia, ospiti della CESi (Conferenza Episcopale Siciliana), per conoscere “da vicino” la realtà del Progetto Policoro nella nostra isola. La delegazione, composta da tredici Vescovi e dai componenti del Coordinamento regionale piemontese del Progetto Policoro, ha incontrato il gruppo degli Animatori di Comunità siciliani e ha visitato alcune realtà concrete realizzate nelle diocesi di Cefalù e di Mazara del Vallo. La visita dei Vescovi del Piemonte non si è limitata al Progetto Policoro, ma ha toccato anche alcune iniziative di tipo caritativo ed educativo presenti nella città di Palermo. Come riportato sul sito www.progettopolicoro.it  «fra le quattro direttrici - Evangelizzazione, Formazione, Gesti Concreti, Rapporti di reciprocità - lungo le quali si sviluppano le attività del Progetto Policoro, i rapporti di reciprocità sono quelli che attuano pienamente l’esortazione dei Vescovi Italiani contenuta nel documento del 1981, “La Chiesa Italiana e le prospettive del Paese” , laddove si legge: il Paese non crescerà se non insieme». Questa frase, oggi più che mai attuale, racchiude un chiaro sprone per le Chiese locali, ad affrontare i grandi problemi della nazione mettendo in comune, in un rapporto di reciprocità appunto, le proprie specificità e le proprie caratteristiche, per uno sviluppo solidale di tutto il Paese. Nel pomeriggio di Martedì 14 c.m. i Vescovi piemontesi hanno incontrato i vescovi delle Chiese di Sicilia, riuniti per una sessione straordinaria della Conferenza Episcopale, presso il salone “Cardinale Pappalardo” in Arcivescovado a Palermo.
 
Venerdì 24 Giugno 2011
Copyright Diocesi di Noto 2008 - Credits